fbpx

SPOTLIGHT ON: SHADOW OF THE DEMON LORD – I mutaforma di VITE RUBATE

Abbiamo pubblicato un altro supplemento della campagna di Shadow 2: Il richiamo del demone. Si tratta del bellissimo Vite Rubate, che troverete la prossima settimana anche nello shop.
Di cosa tratta?

da un estremo all’altro

Uno dei personaggi forse più peculiari che i giocatori possono interpretare in Shadow sono i mutaforma. I mutaforma, insieme agli automi, sono una particolarità speciale del sistema e dell’ambientazione e offrono spunti molto interessanti e divertenti da giocare, oltre che contribuire a creare profondità offrendo background intensi, spesso drammatici, che il bravo giocatore sa sfruttare fino in fondo.

Un supplemento e-book, dal costo accessibilissimo e che offre grande approfondimento ulteriore, è VITE RUBATE. Vale la pena presentarlo – e acquistarlo. Vedrete.

QUASI FATATI

I Mutaforma vengono presentati per la prima volta nel manuale base di Shadow. Il Libro del Giocatore vi permette di interpretarli con una ricca gamma di opzioni e percorsi. Ma, diciamocelo, un giocatore appassionato vuole sempre di più. Ecco dunque, per un costo inferiore agli 8 euro, un intero manuale a loro dedicato. Che cosa ci troviamo? TUTTO.

Sebbene siano stati creati dalla magia fatata, i mutaforma non sono essi stessi dei fatati. La magia, tuttavia, conferisce loro molti degli stessi tratti posseduti dai fatati, inclusa la loro naturale immunità alle malattie e la difesa dall’influenza mentale. Inoltre ereditano la loro vulnerabilità al ferro, il cui tocco provoca grande disagio e rivela le trasformazioni magiche che assumono, riportandoli al loro stato naturale. A causa di questa vulnerabilità, i mutaforma evitano ogni contatto con il ferro o le sue leghe ogni volta che possono. Ma nella vita di un avventuriero non si è mai davvero lontani dal ferro e di cose che possono andare storte ce ne sono tantissime. Questo perchè, inutile negarlo, il mutaforma potrebbe davvero essere il personaggio più forte di tutti, vista la sua particolarità essenziale. Il mutaforma, infatti, può assumere le sembianze di chiunque – più o meno – e riuscire anche afarsi passare per il signore di un Regno intero!

Ma come nasce un mutaforma?

Ce lo dice Vite Rubate . Il mutaforma nasce nell’impermanenza e nel dolore. I bambini sono spesso vittime innocenti dei fatati e i bambini umani corrono il rischio maggiore di essere rapiti dai fatati (per questo i mutaforma compaiono con maggior probabilità nelle case umane).

Il mutaforma in sè non è una creatura imperturbabile: essendo creato per simulare la vita e l’anima, egli soffre e prova dolore. Poichè, alla fine, tutti i mutaforma scoprono la verità su se stessi, tale scoperta è spesso traumatica in quanto rivela come una menzogna tutto ciò che sanno e credono di essere sempre stati. Peggio ancora, se sono costretti a perdere il loro aspetto, scoprono di non poter tornare chi erano. Le loro vecchie vite sono perse per sempre e sono costretti a diventare qualcun altro.

Tutto questo viene esplorato in Vite Rubate, e c’è molto, molto altro.

In Vite Rubate scopriamo che i fatati prendono i bambini per ogni tipo di motivo. Uno potrebbe rapire un bambino che ha gli occhi belli o una risata contagiosa, mentre un altro potrebbe semplicemente volere un figlio tutto suo. I fatati conducono i bambini al pericolo, ridendo della loro paura e del loro dolore. A volte fanno amicizia con loro e poi arrivano a credere che sottrarre il bambino a genitori crudeli o severi sia per il meglio. La maggior parte, tuttavia, sottrae i bambini per farli vivere per un po’ nel paradiso dei regni nascosti, dove tutto è risate, amore e gioia. Quelli ritenuti degni potrebbero essere trasformati in veri fatati, ma la maggior parte viene data all’Inferno per pagare la decima richiesta dal Diavolo secondo gli antichi patti stipulati tra lui e i vecchi dei.

I bambini rapiti non possono semplicemente svanire, però, perchè devono lasciare qualcosa in cambio. Se i fatati prendono un bambino, molto spesso si lasciano alle spalle un mutaforma: un omuncolo fatto di fango, ramoscelli e pietre incantati per somigliare al bambino scomparso. Solo il genitore più ignaro non riesce a notare qualcosa che non va con il bambino: piange troppo o non emette alcun suono; non apre mai gli occhi o gioca da solo per ore. Il “bambino” è semplicemente, improvvisamente e inspiegabilmente strano. Il tormento creato da queste cose dura poco tempo, poiché la magia si attenua e la creazione si sgretola nelle sue componenti iniziali. A volte, tuttavia, la magia perdura e il mutaforma si scuote di dosso la stranezza e diventa un essere reale.

I fatati creano i mutaforma lanciando l’incantesimo generare mutaforma (Vedi Terribile Bellezza) e alla fine l’incantesimo termina, Quando la magia svanisce lascia una culla piena di sudiciume. Pertanto, è una grande sorpresa per i fatati quando le loro creazioni sopravvivono più di alcune settimane. Ci sono alcune teorie sul perché alcuni mutaforma sopravvivano e il manuale le esplora, dandovi spunti utili per le vostre storie.

LA CREAZIONE E LE OPZIONI

In Vite Rubate trovate numerosissime tabelle, che svolgono tantissimi compiti. Una di queste per esempio genera origini. Il mutaforma ha preso il posto di un bambino, che è stato rapito perchè:

  • 1-2 Un signore o signora fatata desiderava un erede e inviava fatati a rapire i bambini.

Oppure:

  • 7-8 Una banda di fatati ha attirato il bambino mortale nei boschi dove hanno giocato a morte con lui.

E quali potrebbero essere vicende della storia del mutaforma, prima di diventare un personaggio? La tabella ESPERIENZE DI VITA ci offre varie possibilità, come per esempio:

  • 3 Siete morto! Tirate sulla tabella Circostanze della Morte per scoprire come. Potete ricominciare da capo o essere riportato in vita da un colpo di fortuna. Se tornate in vita, iniziate il gioco con 1d6 a Follia.

Una vita non è quasi mai lineare, men che meno quella di un abitante di Urth. Abbiamo quindi tabelle che ci permettono di tirare o scegliere quali impedimenti grandi o piccoli abbiamo affrontato come mutaforma nel nostro passato. Per esempio:

  • 14 Avete appreso un segreto pericoloso indossando la vostra forma attuale. Il segreto era tanto pericoloso che avete adottato una forma diversa (tirate sulla tabella Ascendenza Apparente). Il GM dovrebbe dirvi cosa avete scoperto.
  • 9 La magia che vi ha creato ha iniziato a svanire. Ogni volta che entrate in contatto con il ferro, perdete il talento Rubare Identità per 1 minuto. Questo effetto è cumulativo.

Ma, per quanto male abbiamo sopportato, avremo – probabilmente – avuto anche qualche buon momento. Ce lo dicono le tabelle dei vari benefici. Per esempio:

  • 1 Vi siete innamorato o vi siete sposato! Il vostro partner non è consapevole della vostra vera natura. Collaborate con il GM per creare il partner.
  • 18 Avete trovato il bambino mortale che avete sostituito e lo avete restituito alla sua famiglia. Riducete la vostra Corruzione di 1 (minimo 0). Se avete 0 Corruzione, iniziate la partita con Fortuna.

E che dire degli eventi bizzarri che potremmo aver affrontato? Eccone un paio di molti!

  • 2 Vi siete imbattuto in una macchia del Vuoto, un luogo in cui il Vuoto si insinua nel mondo mortale, assistendo a cose terrificanti lì. Iniziate il gioco con 1 a Follia.
  • 10 Avete scoperto di essere stato creato dai diavoli per perpetrare il male nel mondo. Se avete Soave Agonia, potete aggiungere la complicazione della storia Dannato. Altrimenti, ottenete 1 a Corruzione e Scurovisione.

Insomma, sono tantissime le opzioni che ci vengono offerte a partire dalle professioni, agli stili di vita, alle scelte su abbigliamento ed equipaggiamento e aspetto naturale. E ci sono le bizzarrie, come per esempio:

  • 9 Una notte all’anno perdete il vostro talento Rubare Identità.
  • 10 Potete usare Rubare Identità solo per adottare le forme di persone morte.

E questo è tutto? No! Dopo essere passati dalle molte opzioni per la scelta della vostra personalità approdate al nuovo PERCORSO DA MAESTRO offerto, il SOSIA!

Allora, cosa fate ancora qui? Andate a comprare Vite Rubate!

 

Lascia un commento