Coriolis Chronicles #6 MOSTRI O CREATURE?

Ci siamo! Fra pochissimo comincia la campagna! Diamo uno sguardo ai mostri di Coriolis, nel frattempo, che sono già inclusi nel manuale base. I tag degli articoli di questa serie, le ‘Chronicles’, sono comuni per tutti gli articoli. (Come sempre, i termini qui usati potrebbero differire da quelli finali).

kickstarter

Le creature del Terzo Orizzonte 

Le lune, i pianeti e le stazioni spaziali del Terzo Orizzonte brulicano di vita… e così sotto un certo aspetto anche la Tenebra fra le Stelle. Questa vita non è sempre amichevole, nè disinteressata, nè comprensibile. La prima avvisaglia di pericolo, potrebbe essere qualcosa che un umano magari scambia per affetto (con risultati abbastanza spiacevoli). Alcuni di questi esseri sono totalmente alieni, mentre altri hanno accompagnato i coloni sin dal Primo Orizzonte. Si tratta di creature, o entità, intelligenti o semi-intelligenti.

Poichè lo stile di gestione di Coriolis è molto ‘nordico’, come detto in altre occasioni per i gdr nordeuropei (come Trudvang Chronicles, per esempio), il GM ha il potere, e il potere è dato dalle informazioni. Perciò, se non fate il GM a Coriolis, dovreste smettere di leggere. ADESSO.

CREATURE: COME SAI SE STA PER MANGIARTI O SE VUOLE SOLO LECCARTI LA FACCIA?

Il primo passo per un personaggio che si trova dinnanzi a una creatura, è, se ne ha il tempo, cercare di identificarla. Può farlo usando CULTURA. E, riuscirci, non è una cosa scontata. Ogni creatura della sezione apposita del manuale presenta un modificatore a tale prova in uno specifico riquadro, che indica quanto essa sia rara o incomprensibile.

Quando i primi coloni arrivarono nel Terzo Orizzonte pensavano di essere l’unica vita intelligente nell’ammasso stellare, ma ovviamente si sbagliavano. Scoprirono che parecchi pianeti ospitavano xenobestie che sembravano dotate di intelligenza, di linguaggio e di rudimentali società, come per esempio gli ekilibri e i nekatra su Kua e gli skavara su Amedo.

Prendiamo per esempio gli skavara (che sono tendenzialmente noti a tutti gli abitanti dell’Orizzonte).

Benché siano originari di Amedo, i commercianti hanno esportato queste bestie ringhianti semi-intelligenti dall’aspetto di tassi, prima su Algol e in seguito su Coriolis, dove si sono moltiplicati tra le ombre dei livelli inferiori. Gli skavara badano a non attirare l’attenzione su di loro e vivono di quel che riescono a trovare, il che spesso significa rifiuti e avanzi di cibo se vivono nei pressi di un insediamento umano. Li trovate in branchi privi di un capo, o da soli. Sono creature guardinghe e vigili, ma sono anche curiose e imparano in fretta. Collezionano ogni genere di ninnolo colorato e luccicante. Indossano abiti (prevalentemente cappe o gallabeya) solo nei climi più freddi, come su Algol o nei livelli inferiori su Coriolis, mentre negli altri sfruttato la protezione della loro pelliccia. Gli skavara rintanati nelle città spesso si adornano con fili di rame, cavi di fibra ottica o pezzetti di plastica brillante, che appuntano sugli abiti o fra la pelliccia.

Gli umani hanno tentato di addestrare gli skavara, senza successo. La loro semi-intelligenza gli permette di imparare i linguaggi umani, ma la loro laringe non è adatta a imitarne i suoni. Di norma non riescono ad abbaiare o a uggiolare più di qualche centinaio di parole, ma sanno comunicare molto più chiaramente mediante i versi o il linguaggio del corpo. [I dati, le capacità e altre info sono nel Manuale Base di Coriolis. La terminologia potrebbe, come sempre, differire da quella finale].

kickstarter

Curiosità: Marte

Ricordiamo tutti l’annuncio del ritrovamento di molecole organiche su Marte, nel 2012. Quindi, la possibilità che ci siano sistemi che ospitano la vita non è poi così inverosimile (basta pensare alla Terra, ovviamente). Ma proprio quest’anno, un’altra curiosa scoperta è stata fatta in merito sul pianeta rosso.

Nell’atmosfera del pianeta, infatti, è presente del metano. Sia che si tratti di un prodotto di reazioni chimiche minerali, come sta valutando la American Geophysical Union (AGU), sia che si tratti di una ‘produzione’ di batteri, come sta sperando la NASA, il fatto è che questo composto è sorprendente e, soprattutto, subisce variazioni stagionali, come se venisse in qualche modo soffiato sulla superficie.

Come giocatori di ruolo, la nostra mente sta già lavorando su grandiose possibilità di trama. E, scommettiamo, anche la vostra…

Per saperne di più: sciencemag.org

Coriolis ©2018 Fria Ligan. Fria Ligan, ed i loghi associati sono marchi registrati di Fria Ligan. Tutti i personaggi di Fria Ligan e relativi nomi, storie, tratti distintivi e caratteristiche, sono trademarks di Fria Ligan. Coriolis edizione Italiana © 2018 WMS Publishing sas. Wyrd Edizioni è un TM 2018 WMS Publishing sas. Tutti i diritti riservati. Qualsiasi riproduzione anche parziale, se non autorizzata, è severamente vietata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *