Mostri!? Niente Paura! Dall’edizione americana a quella italiana: la responsabilità del traduttore

Mostri!? Niente Paura! è un progetto che ha alle spalle molto studio e preparazione. Si è avvalso della consulenza di esperti e pedagogisti. L’elemento forse più immediatamente visibile di questo gioco è il titolo. Anch’esso è un’ideazione di un ‘esperto espertissimo’, ed è nato molto prima del gioco. Abbiamo chiesto a Shanna di raccontarci la storia di come è nato il titolo inglese del gioco.

SHANNA RACCONTA

Avevamo il titolo molto prima di avere il gioco. Charles e Tammie Ryan, che fanno entrambi parte del team MCG, hanno una figlia di nome Olivia. Quando Olivia avevano circa un anno, era all’asilo e i genitori cercavano di insegnarle a comportarsi bene con gli altri bambini così, invece di gridare, “No!” gli uni agli altri, i ragazzi venivano incoraggiati a dire: “No grazie.” Cosa che, naturalmente, ebbe come effetto che i bambini continuassero a gridare a pieni polmoni quando litigavano, salvo che però gridavano un più accettabile: “NO GRAZIE!”.

Un giorno Charles portò Olivia con sè a fare shopping, e c’erano un mucchio di televisori che mostravano tutti il trailer di un film degli X-Men. Olivia chiese cosa stesse facendo “l’uomo in TV”, e Charles cominciò ad annaspare tentando di capire come spiegare i supereroi, le loro identità segrete e i poteri mutanti a una bambina di un anno. Alla fine riuscì solo a dire: “Stanno combattendo il male”. A quel punto, Olivia puntò un dito, lo mosse con rimprovero alla televisione più vicina, e con estrema gravità le disse: “NO THANK YOU, EVIL!” (“NO GRAZIE, MALE!”)

Quando ho sentito questa storia, ho pensato che sarebbe stato un nome davvero delizioso per un gioco per ragazzi. Perciò, non appena decidemmo di realizzarne uno, sapevamo già esattamente quale sarebbe stato il titolo.

In realtà noi non abbiamo la pretesa, e il gioco sposa esattamente questa convinzione, di dire ai bambini cosa è il male. Lo scopo del nostro gioco è incoraggiare le capacità di pensiero critico, così i giocatori possono sperimentare una cosa in piena sicurezza e decidere qual è la loro versione del male. In effetti, il concetto di male è estremamente complesso: la creatura che agisce in modo “malvagio” è qualcuno che va valutato e compreso prima di essere etichettato. Alcuni malvagi potrebbero fare cose che ritengono buone, senza rendersi conto di quello che fanno. Penso che nel gioco la storia di Lucy Rispettosa sia un esempio di quello che intendo. Forse il ladro di waffle è cattivo e malvagio? Nella storia, Lucy lo tratta comunque con rispetto e comprensione, anche se ha fatto una cosa cattiva. Perciò, la mia risposta è che prima di decidere che cosa sia il male, è bene valutare sia il comportamento che le motivazioni. Il personaggio potrebbe non essere il male, ma certamente la sua golosità lo è.

L’EDIZIONE ITALIANA

Quando lavoriamo all’edizione italiana di un nuovo gioco sappiamo che ci sono delle decisioni cruciali da prendere che influenzeranno la percezione dei giocatori e il loro approccio ad un gioco. La parte più importante è certamente la scelta del titolo. Per questo, nel corso degli ultimi vent’anni, abbiamo adottato delle procedure che ci hanno consentito di giungere a decisioni che ci hanno sempre premiato.

Nel caso particolare di Mostri!? Niente Paura!, come avete potuto leggere nella spiegazione di Shanna, il titolo era legato a qualcosa di estremamente specifico ed emozionale che non avrebbe potuto essere compreso dal pubblico che non avesse approcciato i nostri siti. Generalmente, infatti, molti dei nostri giocatori, e nello specifico in questa tipologia di gioco, non hanno un primo accesso ai nostri siti e alle nostre community, perciò dovevamo essere chiari fin da subito su cosa si proponesse di fare questo gioco, a partire dal titolo. Inoltre, il termine ‘male’ per noi ha implicazioni sostanzialmente più focalizzate che non per gli Americani. 

Abbiamo perciò riunito un team di genitori, psicologi, insegnanti, logopedisti, educatori di ragazzi con bisogni speciali, ragazzi dai 5 anni in su di svariate regioni e traduttori, avendo cura di mantenere una quota egualitaria fra chi era già un giocatore di ruolo e chi non aveva mai giocato, e abbiamo chiesto loro di darci il loro parere su come avrebbero voluto tradurre i vari termini. Li abbiamo ascoltati e abbiamo preso i suggerimenti più interessanti e comuni. Li abbiamo passati al nostro eccellente responsabile di linea, Fabio, che ha elaborato il glossario, e poi siamo passati a rivedere tutto insieme a lui nel nostro rodato team che ha il compito di decidere il titolo finale e dare la forma definitiva ad ogni termine ‘problematico’.

Abbiamo scoperto, nel corso degli anni, che se questo nostro particolare team editoriale di sei persone lavora insieme, essendo noi tutti giocatori di ruolo, che giocano o hanno giocato insieme, le risposte vengono. Alla fine non si distingue quale apporto ciascuno ha dato, ma quello che conta è la visione comune. Il titolo di Mostri!? Niente Paura! è nato esattamente così. Nello spirito di condivisione del gioco. E speriamo che catturi la vostra fantasia e l’interesse dei vostri bambini cosi come ha catturato quello dei nostri piccoli ma combattivissimi consulenti.

© 2016 Monte Cook Games, LLC. The Strange ed il suo logo sono trademarks di Monte Cook Games, LLC.  Tutti i personaggi di Monte Cook Games e relativi nomi, storie, tratti distintivi e caratteristiche,  sono trademarks di Monte Cook Games, LLC. Edizione italiana © 2017 WMS Publishing sas. Wyrd Edizioni è un TM 2017 WMS Publishing sas. Tutti i diritti riservati. Qualsiasi riproduzione o traduzione anche parziale, se non autorizzata, è severamente vietata.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *